Transitions®: la sensibilita alla luce

UNA TEMATICA SEMPRE PIÙ DIFFUSA, TRASVERSALE E ATTUALE. TRANSITIONS®, BRAND ALL’AVANGUARDIA NELLA GESTIONE DELLA LUCE, PROPONE UN NUOVO QUIZ PER CAPIRE SE SI È UN SOGGETTO A RISCHIO

Il brand ha elaborato un test – disponibile su www.transitions.it – per scoprire quanto i nostri occhi risentano dell’esposizione a fonti luminose, naturali e artificiali

La problematica colpisce trasversalmente la popolazione, dai più giovani fino ai presbiti moderni e iperconnessi. Recenti ricerche sottolineano l’importanza di proteggere gli occhi non solo dall’abbagliamento e dai raggi del sole, ma anche dalla luce artificiale

26 ottobre 2022 – Secondo i dati dell’OMS, la disabilità visiva colpisce circa 253 milioni di persone nel mondo ed è evitabile o trattabile per oltre l’80% dei casi. In Italia si stima che siano quasi 1,5 milioni di ipovedenti e 220.000 ciechi. Questi dati sono un importante spunto di riflessione per Transitions per approfondire un tema da sempre molto caro al brand, quello della sensibilità alla luce del portatore.

Il nostro ambiente luminoso, infatti, è drasticamente cambiato rispetto alle generazioni precedenti e siamo sempre più esposti a luci artificiali e sempre meno alla luce naturale. Oggi si trascorre il 90% del tempo in ambienti chiusi1, aumentando contestualmente l’esposizione alle luci LED e al loro più elevato livello di luce blu e brillantezza. L’eccessiva esposizione provoca l’interruzione del ciclo circadiano naturale – che regola sonno e veglia – e come conseguenza può generare una maggior sensibilità alla luce dei nostri occhi. Secondo recenti ricerche, 9 portatori su 10 dichiarano di provare una qualche forma di sensibilità alla luce e stanchezza visiva2 (prurito, lacrimazione, ipersensibilità alla luce, visione offuscata, stanchezza oculare, cefalea, pesantezza alle palpebre, arrossamento). Situazioni di discomfort, a volte molto profondo, davvero diffuse, ma ancora sottovalutate.

Oltre ai raggi UV, a “disturbare” la visione intervengono anche altre forme di luce nociva, la cosiddetta luce blu-viola, ovvero quella emessa dai dispositivi LCD e LED, come smartphone, tablet, TV e PC, e dai sistemi di illuminazione a basso consumo energetico. Oggi i consumatori sono molto attenti a questo tema – complice anche la situazione attuale, che impone un utilizzo amplificato dei device sia per la vita privata sia per lavoro –: il 78% delle persone è interessato ad acquistare un prodotto che fornisca una protezione anche dalla luce blu dannosa3.

Per chi vuole scoprire il proprio grado di sensibilità alla luce, Transitions, dal 1° settembre, ha messo a disposizione un nuovo quiz interattivo, direttamente sul sito https://www.transitions.com/it/test/: un facile questionario sulle proprie abitudini di comportamento legate alla vista (dall’uso del PC all’abbagliamento della luce nel passaggio da ambiente chiaro ad ambiente scuro, fino al fastidio provato durante la guida ), per capire quanto i propri occhi risentano della luce. Uno strumento utile anche al professionista della visione per verificare – in soli due minuti – il grado di sensibilità alla luce del portatore, proponendogli, quindi, la soluzione Transitions più adatta alle sue esigenze visive. Nello specifico, lo stesso si compone di dieci domande, mirate a scoprire come reagiscono gli occhi in determinate situazioni luminose. Tra queste: “Quando esci di casa in pieno sole, strizzi gli occhi? Ti capita di percepire la luce come troppo intensa anche quando non c’è il sole? Hai mai abbassato la luminosità del cellulare perché troppo forte?”. In base al risultato ottenuto, si ottiene poi un profilo della persona e dei suoi bisogni.
Un buon punto di partenza per capire quali soluzioni scegliere per proteggere gli occhi.
Transitions, infatti, dispone di un’ampia ed esclusiva gamma di lenti intelligenti alla luce, dai colori style o iconici, in modo tale da offrire ai portatori una proposta personalizzata. Oltre alle lenti best seller con tecnologia Gen8TM – adatte a tutti, indipendentemente dal livello di sensibilità alle fonti luminose– il brand ha lanciato nel 2022 due innovazioni: le lenti Transitions® XTRActive® New Generation e Transitions® XTRActive® PolarizedTM.
Per chi è particolarmente sensibile alla luce o è esposto a luci molto intense, le lenti XTRActive di nuova generazione offrono – grazie a una tecnologia rinnovata – un xtra-scurimento, anche ad alte temperature4, e un ritorno allo stato chiaro più veloce5; sono adatte anche per chi viaggia e guida tanto, essendo in grado di scurirsi dietro al parabrezza6. Sono, inoltre, protettive e confortevoli in qualsiasi ambiente luminoso, grazie all’xtra-protezione dai raggi UV e dalla luce blu nociva7.
Le lenti Transitions XTRActive Polarized, invece, sono progettate per i portatori molto sensibili alla luce e frequentemente esposti a luce intensa o abbagliamento da riverbero. Sono la soluzione per chi ama stare all’aria aperta, correre o andare in bicicletta, per chi fa trekking o va in barca o per chi, semplicemente, passa molto tempo all’esterno e sente, più di altri, il bisogno di proteggere i propri occhi. Le stesse passano da chiare – con un tocco di colore protettivo – in interni a xtra-scure e polarizzate all’esterno, grazie all’innovativa tecnologia della polarizzazione dinamica. La visione è nitida, potenziata nei dettagli e dai colori vividi8. Semplicemente una visione Full HD in condizioni di luce intensa9.