MiyoSmart di Hoya, I perché di un successo unico

Le lenti MiyoSmart di Hoya compiono due anni. Sono state studiate per intervenire sulla miopia fin dall’età scolare.

I successi, quelli veri, non si improvvisano. Sono figli di intuizioni e di grandi studi, di perseveranza e di capacità di immaginare il futuro. Non sfugge a questa regola l’idea di Hoya concretizzata con MiyoSmart, la lente dedicata ai più piccoli che soffrono di miopia, e che ha il compito di contenere la progressione del difetto visivo contribuendo a renderlo meglio gestibile nel tempo. D’altra parte, la progressione della miopia è più veloce nei primi anni di vita e di conseguenza intervenire fin dall’età scolare o pre-scolare può essere un ottimo sistema per contenerla e renderla meglio gestibile in età adulta.

Affrontare la miopia in età infantile è utile per controllarne i possibili disturbi ad essa associati in età adulta. Così già una quindicina di anni fa i tecnici del team di Ricerca e Sviluppo Hoya in collaborazione con la Hong Kong Polytechnic University, hanno iniziato a porsi il problema indagando possibili soluzioni. Un lavoro molto approfondito che è durato diversi anni e che ha visto la nascita della prima lente oftalmica prodotta da Hoya giusto dieci anni fa. E proprio su questa prima lente sono iniziati studi approfonditi per verificarne la effettiva validità e per riuscire a dare una dimensione dell’efficacia che si può ottenere nella gestione della progressione miopica. Si tratta di uno studio che è iniziato negli anni ‘10 e che ha permesso di ottenere dati precisi sull’efficacia delle lenti MiyoSmart. I risultati dei primi due anni di studio clinico sono stati pubblicati dal prestigioso British Journal of Ophtalmology e sono stati seguiti da follow-up di tre e sei anni.

I dati sono molto incoraggianti: nei primi due anni, lo studio ha evidenziato una riduzione media della progressione miopica del 60% nei portatori di lenti MiyoSmart. La progressione della miopia si è arrestata nel 21,5% dei casi dei bambini che indossavano lenti D.I.M.S. Nell’arco di 6 anni per il campione di ragazzi che ha sempre indossato le lenti MiyoSmart, la progressione cumulativa della miopia è di soli -0,92D e 0,60mm di allungamento assiale e l’efficacia del trattamento è rimasta stabile per tutto il periodo. Inoltre, i giovani che hanno smesso di usare le lenti MiyoSmart passando alle lenti monofocali non hanno mostrato un’accelerazione della progressione, quindi lo studio dimostra che non c’è effetto rebound. Segno che la lente funziona e che la strada che si sta percorrendo è quella corretta.

Se fin qui abbiamo raccontato l’approccio alla questione e alla ricerca, diventa interessante scoprire che gli ottici-optometristi partner di Hoya sono stati da subito estremamente ricettivi rispetto a MiyoSmart, segno che nel corso degli anni si è creato a tutti gli effetti un rapporto di fiducia e identificazione di obiettivi. In Italia le lenti sono state lanciate a novembre 2020 e hanno catturato da subito l’attenzione di ottici-optometristi, medici oculisti, dei media in generale e dei genitori. I Centri Ottici Specializzati MiyoSmart hanno immediatamente compreso il potenziale di questa nuova soluzione per elevare la propria professionalità, differenziarsi sul territorio e costruire rapporti con la classe medica.

Con MiyoSmart l’ottico-optometrista ha infatti l’occasione di lavorare per instaurare nuovi rapporti: di collaborazione con i medici oculisti e di fiducia con i clienti finali, “sintonizzandosi” in modo corretto con i diversi interlocutori. Per favorire tutto ciò, Hoya ha sviluppato una campagna di coinvolgimento particolarmente impegnativa adattando per ciascuna delle categorie modalità e linguaggi appositi, creando un programma formativo multidisciplinare per i Centri Ottici e dando vita a un team di otto persone, di cui quattro a tempo pieno, che in questi due anni non solo hanno tenuto stretto il legame con gli oculisti, ma hanno presenziato a convegni formativi e svolto attività anche a livello istituzionale. C’è poi una terza parte che è fondamentale nel successo di questa operazione: il “grande pubblico”.

Parallelamente a Ottici e Classe medica, Hoya ha infatti informato anche il pubblico dei genitori iniziando con una grande attività di PR, ancora ongoing, e una fortissima campagna TV. L’interesse è stato alto sin da subito: i giornalisti l’hanno da subito definita coralmente la “lente intelligente” per la sua duplice funzione correttiva e preventiva e i genitori in generale sono molto interessati a prevenire e curare la miopia per il benessere visivo attuale e futuro dei propri figli.
Per aumentare la consapevolezza sulla progressione miopica e mostrare al pubblico come vede un miope, Hoya ha da poco lanciato il simulatore della miopia, uno strumento digitale che permette appunto di simulare la visione con i diversi gradi di miopia. È uno strumento che rende le famiglie più consapevoli e che aiuta gli operatori ad argomentare il perché è importante che la miopia non degeneri con la crescita.

Come sono realizzate le lenti MiyoSmart ? Quali particolarità hanno? Alla base di questa lente da vista c’è una tecnologia brevettata da Hoya, denominata D.I.M.S. (Defocus Incorporated Multiple Segments). L’area centrale della lente consente una visione nitida grazie alla presenza del potere per lontano. L’area periferica contraddistinta dalla tecnologia D.I.M.S. è costituita da piccole isole con potere +3.50D alternate al potere per lontano. L’alternanza delle due zone consente di gestire la progressione della miopia ed offrire allo stesso tempo una visione nitida.

Trattandosi di una lente destinata ai bambini, le MiyoSmart sono progettate pensando al loro stile di vita attivo, quindi sono dotate di uno speciale trattamento antiriflesso duraturo e facile da pulire. Grazie al materiale con cui sono costruite, i giovani possono contare su resistenza agli urti e 100% protezione dai raggi UV. Hoya ha elaborato un “protocollo” per la proposta della lente: ci deve essere il benestare di un oculista. Una volta realizzato l’occhiale la prima visita di controllo è fissata entro i sei mesi-/un anno. MiyoSmart sta dando indubbiamente notevoli soddisfazioni soprattutto a chi le indossa: nei primi due anni di utilizzo in Italia, i dati sul rallentamento della progressione della miopia sono in linea con quelli emersi dagli studi clinici.

È una categoria che ha sicuramente un peso: Hoya Vision Care ha raggiunto le 2 milioni di lenti MiyoSmart nel mondo, indossate in Italia da oltre 30.000.000 giovani miopi. Considerando il target potenziale di 600.000 di giovani in Italia, c’è un bel margine di crescita. Questo, insieme alle previsioni che vedono metà della popolazione mondiale miope entro il 2050, stimola a una maggiore attenzione della comunità scientifica e al continuo miglioramento di questa innovativa soluzione, lanciata per prima da Hoya, per contenere gli effetti della miopia sul benessere visivo delle persone nel futuro.