Tutornet, soluzioni concrete per gli ottici

Nata vent’anni fa dal desiderio di due amici, l’azienda di Alpignano è un esempio di come si possa diventare portatori di innovazioni risolutive

Danilo Girivetto è fondatore e socio, insieme a Stefano Benedetti, della TutorNET srl, società piemontese (la sede si trova ad Alpignano, in provincia di Torino) che nel corso degli anni è diventata un punto di riferimento indipendente per gli ottici in molte delle loro attività professionali. Una attività che ha portato TutorNET a sviluppare alcuni fra i più interessanti strumenti di rilevamento delle centrature delle lenti, che oggi è considerato a tutti gli effetti uno strumento di importanza basilare per l’ottimizzazione del servizio al cliente.

Girivetto, la sua è una vita passata nel mondo degli occhiali e dell’ottica. Ci può tracciare velocemente il percorso che porta a TutorNET ?
“Ho iniziato a lavorare nel mondo degli occhiali quarant’anni fa, seguendo la parte commerciale di alcuni marchi nell’occhialeria, arrivando a commercializzare direttamente un mio marchio. Successivamente, nel 2003, dopo alcuni anni di lavoro come rappresentante per una ditta di software piemontese, insieme al mio attuale socio Stefano Benedetti, decidemmo di fondare una nuova società, TutorNET. L’idea era mettere a frutto gli anni di esperienza fatta a costante contatto dei negozi di ottica e creare strumenti innovativi e facilmente utilizzabili, e soprattutto indipendenti.”

All’inizio solo software gestionale quindi.
“Si, era quello che sapevamo fare bene e quindi fu la base con cui iniziare a muoversi. Dopo avere dato solidità e completezza al gestionale, lavorando intensamente, abbiamo ampliato l’offerta ad altre categorie di prodotti software per poi abbracciare anche il mondo dei videocentratori dove da anni siamo una riconosciuta realtà. Basandoci solo sulle nostre forze abbiamo via via costruito la solida reputazione che ci contraddistingue, seguendo sempre l’idea di rimanere con piedi ben piantati a terra. Concretezza così forte che addirittura un opinion leader del settore affermò che forse eravamo troppo concreti. Anni dopo, mi disse che, visti i risultati, forse avevamo ragione noi. Soddisfazioni queste che restano impresse a lungo.”
Da gestionale agli altri strumenti, come avvenne il passaggio?
“Non è stato un passaggio. Il gestionale è stato, e continua ad esserlo, il nostro ‘zoccolo duro’, il prodotto su cui lavoriamo da sempre e che ci accompagna. Però questo non ci ha impedito di ideare e sviluppare altri strumenti, come i software per simulare lo spessore delle lenti, il supporto marketing o la pedana stabilometrica. La mente creativa è Stefano, ma il processo che porta ai risultati passa quasi sempre da un lavoro di squadra che coinvolge tutti i dipendenti.

La storia continua con i videocentratori, dove sul mercato ci sono molti altri produttori, o sarebbe meglio dire rivenditori, e infine a ZerO che ci regala grandi soddisfazioni. Noi abbiamo sempre cercato di analizzare il mercato, cercare di capire di cosa avesse bisogno e sulla base di questo abbiamo sempre lavorato.”

Ha citato Zero, che illustrate come una rivoluzione nella centratura.
“ZerO è un esempio molto pratico di quello che intendiamo come attenzione alle richieste del mercato. C’era bisogno di semplificare al massimo il lavoro di centratura degli occhiali. Questo perché troppo spesso un buon lavoro eseguito con disciplina dall’ottico, viene vanificato dalla postura non naturale di chi indossa gli occhiali. Questo comporta il rischio molto concreto che una postura innaturale comporti misurazioni non corrette delle altezze.

Questo significa che l’utilizzatore dell’occhiale con lente progressiva, avrà difficoltà o nella vista da vicino o in quella da lontano. Con ZerO invece si riesce a rendere precisa ed intuitiva la determinazione della postura e di conseguenza realizzare un occhiale che abbia le varie aree di utilizzo delle lenti posizionate alle giuste altezze. In materia di software abbiamo implementato anche VisionEASY che è uno strumento davvero innovativo.”

Cos’è e come funziona?
“VisionEASY è il videocentratore studiato per agevolare l’ottico nel suo lavoro quotidiano: è la nostra soluzione smart per la videocentratura, costituita dal software sul PC e l’app installata su smartphone o tablet. Utilizzando l’app si fotografa il cliente con gli occhiali indossati e si invia direttamente la stessa al PC, che la elabora e in pochi istanti mostra i parametri corretti per montare lenti progressive personalizzate. Basta una foto frontale e una con il capo ruotato di 20/30°.

Utilizzando ZerO in abbinamento a VisionEASY, abbiamo la sicurezza che tutti i parametri siano a prova di errore.

Oltre VisionEASY ovviamente continuiamo a proporre con successo ai nostri clienti i sistemi a colonna. Devo dire comunque che l’accoppiata ZerO con VisionEasy è davvero efficace e molto pratica, anche in considerazione del fatto che ora Zero è in grado di verificare la postura sia in posizione normale sia in posizione di lettura, rendendo possibile arrivare a un centratura perfetta.

Ultimo aspetto è quello del gestionale che voi non vendete, ma affittate.
“Sì, da sempre affittare il gestionale è una scelta di politica aziendale precisa. Riusciamo a far utilizzare il nostro prodotto riducendo i costi iniziali e garantendo tutta l’assistenza necessaria.

Il gestionale inoltre ha integrato una serie di funzioni importanti che rendono il lavoro dell’Ottico davvero minimo e semplificato. Con il nostro programma si gestisce l’intero Centro Ottico senza dover ricorrere ad altro. Per esempio in TutorNET sono inclusi i listini dei fornitori con codice a barre per il carico e lo scarico, oppure è collegabile al registratore di cassa e a tutti gli strumenti presenti nel centro ottico. Inoltre TutorNET non è solo un gestionale amministrativo: è infatti in grado di gestire anche in totale autonomia tutta l’attività CRM (Customer Relationship Management) utilizzando canali di comunicazione differenti (dagli SMS alle mail).

Si tratta di uno strumento che supporta l’ottico dal momento in cui il cliente entra in negozio e passo passo per tutto il percorso di vendita, assistenza e post vendita successivi. Insomma riusciamo a automatizzare tutta quelle attività quotidiane che erodono tempo dedicabile all’attività professionale e commerciale del punto vendita.”